Sito ottimizzato per la navigazione con Internet Explorer 10, Google Chrome, Firefox. L'uso di altri browser potrebbe comportare dei problemi di visualizzazione.

Notizie flash

vedi l'elenco completo ...

Cerca su Consulenza

INPS: polo unico nazionale

di Bruno Benelli - lunedì, 11 settembre 2017

Lavoro : Previdenza

Mess. INPS n. 3265 del 2017

Da settembre le visite mediche di controllo (Vmc) sono richieste dalle pubbliche amministrazioni tramite web. Gli enti che eventualmente non utilizzassero ancora i servizi del portale INPS, dovranno richiedere le credenziali di accesso ai servizi online di “consultazione attestati di malattia” e “richiesta visita medica di controllo”.

C’è un apposito servizio INPS che consente in automatico di stabilire se il datore di lavoro richiedente rientra o meno nella competenza del Polo unico, di modo ché, in caso positivo, alla richiesta ed effettuazione del controllo gli uffici non emettano la richiesta di pagamento del servizio (a questo proposito è bene ricordare che possono rivolgersi all’INPS anche le amministrazioni fuori del controllo nazionale, e in questo caso è previsto il pagamento della conseguente fattura quale rimborso del servizio svolto).

In fase di prima attuazione, è prevista per l’Amministrazione pubblica interessata la possibilità, attraverso il portale INPS, di autocertificare la propria qualità di datore di lavoro rientrante nell’ambito del Polo unico. L’applicativo registra le informazioni contenute nelle autocertificazioni, anche ai fini di periodiche verifiche sulla correttezza di tali dichiarazioni cui, in caso negativo, farà seguito l’emissione di fattura per il rimborso delle spese mediche sostenute.

Il datore di lavoro pubblico che chiede il controllo deve specificare se deve essere effettuata o meno la visita ambulatoriale, in caso di assenza del lavoratore a visita domiciliare, al fine di consentire la verifica dell’effettiva esistenza della malattia. Ovviamente ‘INPS metterà a disposizione dei datori di lavoro pubblici gli esiti dei verbali mediante i servizi telematici, conformemente a quanto già avviene per tutti i datori di lavoro privati..

Anche per le visite fiscali disposte d’ufficio dall’INPS verrà comunicato dagli uffici al datore di lavoro pubblico l’esito, incluse le informazioni circa i casi di assenza al domicilio e la conseguente convocazione a visita ambulatoriale. In caso di assenza del lavoratore al domicilio a seguito di controllo diretto INPS l’invito a visita ambulatoriale avverrà in modo automatico in conformità a quanto avviene per i lavoratori del settore privato.

Attenzione, se si tratta di richiesta di controlli domiciliari medico legali richiesti per casi di infortunio sul lavoro e malattia professionale, l’INPS se me lava le mani. La competenza in questo caso è dell’INAIL e l’INPS non può interferire con il procedimento di valutazione medico-giuridica di tali tipologie di eventi.

Sito ottimizzato per la navigazione con Internet Explorer 10, Google Chrome, Firefox. L'uso di altri browser potrebbe comportare dei problemi di visualizzazione.